Previous Page  9 / 24 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 9 / 24 Next Page
Page Background

S I N T E S I D E L L A R E L A Z I O N E A N N U A L E 2 0 1 5

7

ziaria per coloro che sono tenuti ad adempiere

all’informativa ai sensi delle norme sugli ob-

blighi di segnalazione finanziaria internazio-

nali (IFRS) incluse nelle NTA in materia di se-

gnalazione di vigilanza (Finrep). Considerata

l’importanza della consultazione degli istituti

precedentemente alla procedura di modifica

alle segnalazioni del Finrep, l’ABE ha avviato

una consultazione pubblica sulle modifiche

proposte nel dicembre 2015.

Tutela dei consumatori, monitoraggio

dell’innovazione finanziaria e garanzia

di servizi di pagamento sicuri

ed efficienti all’interno dell’UE

Nel 2015 l’ABE ha perseguito una maggiore

tutela dei consumatori e la promozione della

trasparenza, della semplicità e dell’equità nel

mercato per i prodotti o servizi finanziari de-

stinati ai consumatori in tutto il mercato uni-

co. L’ABE ha altresì analizzato le criticità nel

comportamento delle attività al dettaglio degli

istituti finanziari, che possono non solo recare

pregiudizio ai consumatori ma anche minare

la fiducia nel mercato e l’integrità del sistema

finanziario.

L’ABE ha sviluppato una serie di requisiti di

regolamentazione dei prodotti che rientra-

no nel proprio ambito di azione, ossia mutui,

prestiti personali, depositi, conti e servizi di

pagamento e moneta elettronica. Per le que-

stioni trasversali nel settore bancario, ma che

sono rilevanti nel settore assicurativo e in

quello degli investimenti, l’ABE ha operato in

stretta collaborazione con le altre due autorità

europee di vigilanza (AEV), l’Autorità europea

delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e

professionali (EIOPA) e l’Autorità europea de-

gli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA).

Alcune delle attività intraprese nel 2015 sono

indicate qui di seguito.

ƒ

Nel luglio 2015 l’ABE ha pubblicato gli

orientamenti sui meccanismi di vigilan-

za relativi ai prodotti e di governance delle

imprese di assicurazione per i produttori e

rivenditori di prodotti dell’attività bancaria al

dettaglio. I suddetti orientamenti istituisco-

no un quadro relativo a una responsabile ed

efficace progettazione dei prodotti da parte

dei produttori e rivenditori.

ƒ

Nel dicembre 2015 l’ABE ha pubblicato un

documento di consultazione sul progetto

relativo agli orientamenti sulle politiche e

prassi di remunerazione. Attraverso il sud-

detto progetto di orientamenti, l’ABE ha

avuto come obiettivo quello di affrontare le

prassi e le politiche di remunerazione mal

concepite, che sono state individuate come

fattore trainante della vendita fraudolen-

ta di prodotti e servizi bancari al dettaglio.

Il progetto sugli orientamenti ha fornito un

quadro per gli istituti finanziari con lo scopo

di attuare le politiche e le prassi di remu-

nerazione, così consentendo una connes-

sione tra gli incentivi e il trattamento equo

dei consumatori e la riduzione del rischio di