Previous Page  5 / 24 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 5 / 24 Next Page
Page Background

S I N T E S I D E L L A R E L A Z I O N E A N N U A L E 2 0 1 5

3

Risultati conseguiti nel 2015

Completamento del corpus unico di

norme e maggiore coerenza nella

regolamentazione prudenziale

Nel 2015, l’Autorità bancaria europea (ABE) si

è adoperata per completare la maggior parte

del pacchetto G20, rafforzando in tal modo il

corpus unico di norme applicabile al settore

bancario dell’Unione europea (UE). Il suddetto

lavoro ha avuto come oggetto norme tecniche,

relazioni, orientamenti e pareri ai sensi della

direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD) e del

regolamento sui requisiti patrimoniali (CRR)

con riferimento a una serie di questioni.

Nel settore della remunerazione, nel 2015

l’ABE si è impegnata per garantire un raffor-

zamento del quadro remunerativo negli istituti

dell’UE e condizioni più uniformi attraverso la

definizione di orientamenti in merito a politi-

che retributive sane, che entreranno in vigore

il 1º gennaio 2017. L’applicazione del principio

di proporzionalità in casi specifici è stato un

elemento chiave del lavoro dell’ABE in mate-

ria, che ha indotto l’Autorità a formulare un

parere all’indirizzo del Parlamento europeo,

del Consiglio e della Commissione europea,

che orienterà la revisione in corso delle poli-

tiche retributive.

In materia di liquidità, nel 2015 l’ABE ha pubbli-

cato una proposta per la calibrazione del coef-

ficiente netto di finanziamento stabile (NSFR) e

la valutazione del relativo impatto sul profilo di

rischio degli istituti dell’UE tramite il modello

di business, sui mercati finanziari, sui prestiti

bancari e sull’intera economia. Nella

Relazio-

ne sull’NSFR

, l’ABE ha consigliato l’introdu-

zione di tale coefficiente all’interno dell’UE

su base individuale e consolidata, prevedendo

alcune deroghe per determinate specificità

europee, come richiesto dalla Commissione.

La

relazione NSFR

aiuterà la Commissione

nella valutazione dell’adeguatezza dell’attua-

zione dell’NSFR nell’UE. Questa presenterà

al Consiglio europeo e al Parlamento una

proposta legislativa sull’NSFR entro la fine del

2016 per garantire che gli istituti abbiano fonti

di finanziamento stabili.

Nel 2015 l’ABE ha apportato un significativo

contributo alla definizione del quadro euro-

peo di regolamentazione della cartolarizza-

zione e ha svolto un ruolo importante nella

proposta della Commissione di rilanciare i

mercati della cartolarizzazione nell’ambito

del progetto dell’unione dei mercati dei capi-

tali, fondato essenzialmente sulla consulenza

e su raccomandazioni pubblicate nel luglio

e nel dicembre del 2015, aventi per oggetto

le cartolarizzazioni di «vendita effettiva» e le

cartolarizzazioni sintetiche. Nelle raccoman-

dazioni, l’ABE ha evidenziato l’importanza del-

la ristrutturazione del mercato delle cartola-

rizzazioni al fine di rafforzare la fiducia degli

investitori nei prodotti cartolarizzati, eliminare

la percezione negativa della cartolarizzazione

a seguito dei default dei prodotti di bassa qua-

lità e ad alto rischio durante la crisi finanziaria

e fornire un canale di finanziamento alterna-

tivo all’economia reale. L’ABE inoltre, insieme

con l’Autorità europea degli strumenti finan-

ziari e dei mercati (ESMA) e l’Autorità europea

delle assicurazioni e delle pensioni aziendali o

professionali (EIOPA), ha altresì consultato le

parti interessate sull’attribuzione delle classi

di merito dei rating del credito assegnati ai

prodotti della cartolarizzazione nei livelli di

qualità del credito che assegnano i requisiti

patrimoniali di cui al CRR. L’ABE ha condotto

anche un’analisi sostanziale sulla trasparenza

dei mercati della cartolarizzazione nell’UE.

Figura 1.

L’ABE nel contesto dell’unione bancaria

SM non

partecipanti al

MVU/SRM

Meccanismo

di vigilanza unico

(MVU)

BCE

UE-19+

Meccanismo di

risoluzione unico

(SRM)

SRB

UE-19+

Coordinamento e

convergenza delle

prassi da parte

dell’ABE

Autorità di

vigilanza dei paesi

terzi

UNIONE BANCARIA

ABE Codice unico UE 28